sommario prossimi eventi
2020011819.00Poetesse di oggi. Reading poetico
2020011911.30 Un flash mob con i Trapezisti
Dettaglio prossimi eventi
Sabato 18 Gennaio 2020
dalle 19.00 alle 20.00
Poetesse di oggi. Reading poetico
Reading congiunto di poesia con le poetesse Chiara Lev Mazzetti e Marilena Votta, autrici di due raccolte di poesie la prima dal nome "Poesie", editata da Atlantide Edizioni e la seconda raccolta "Estate" editata da Edizioni Progetto Cultura Dalla ricerca di senso nascono, ognuna secondo la sensibilità scossa e frantumata delle donne poeta, queste due sillogi, accomunate dal doloroso fare i conti con la parola che taglie come spade, lame, la propria carne di chi scrive. Chiara Lev Mazzetti - Poesie, una giovane voce poetica al suo esordio, è una raccolta di liriche – idealmente, all’intersezione tra Antonia Pozzi e Patrizia Cavalli – che registrano le modulazioni della grammatica del discorso amoroso; un discorso che è un soliloquio fondato sull’assenza, sull’abbandono da parte della donna amata. Versi liberi e semplici – nel senso positivo, che significa che aspirano a trovare dei lettori al di fuori di chi già legge poesia – su quanto più ci accomuna. L’amato entra nella nostra vita, inaspettatamente, per caso, sconvolgendo l’ordine del nostro mondo "il cuore è nel petto", scrive, “come un pesce fuor d’acqua”, e così, con la stessa assenza di significato, ne esce, seminando devastazione “Hai detto una parola da anni a caso ed io ci muoio… …concepire che morirò moriremo e non partorire altro” La silloge di Marilena Votta "Estate" è un espediente per narrare di un mondo immerso in una luce accecante, che nasconde insidie e oscurità divoranti. Quello che resta, alla fine, estenuata, è il senso di non poter scappare da un’infanzia che è dappertutto, pronta a reclamare una vita parallela in cui l’autrice è spesso punita per il suo bisogno di essere vista. “Vado incontro all’estate Con il corpo bianco Senza immagini che non siano Di sangue e fiume La fotografia di una famiglia Tonda come un biscotto Mi ricorda che voglio essere Minuscola Con sempre meno cose di cui Avere bisogno Non fatta per essere metà” Così immersi nella dolorosa bellezza delle parole di queste donne poeta salutiamo diamo il benvenuto all’Inverno. Certi che la magia ci connetta alla nostra parte più stregonesca, estrema, vitale. Unica speranza, è la poesia stessa, che trasuda dal vuoto lasciato dalla donna amata per Chiara e dalla chiassosa solitudine di Marilena.
Domenica 19 Gennaio 2020
dalle 11.30 alle 12.30
Un flash mob con i Trapezisti
UN FLASH MOB CON I TRAPEZISTI Crea il tuo cartello e vieni a partecipare al nostro Flash mob. Un’occasione di divertimento e condivisione per festeggiare la nuova sede dei Trapezisti. Ti aspettiamo domenica 19 gennaio, dalle 11.30 alle 12.30, per creare insieme un video che testimoni un passamano di libri da trasportare lungo via Laura Mantegazza, dalla vecchia alla nuova libreria, che si trova a circa 150 metri di distanza. Stiamo contattando tutte le realtà culturali e le associazioni che popolano Monteverde, con le quali, in questi anni, abbiamo collaborato. Si può partecipare singolarmente o come parte di queste realtà promuovendo con un semplice cartello il nome dell’associazione o scrivendo una parola che abbia un significato legato all’emozione del momento. La regista Valentina Calvani farà le riprese che diventeranno un piccolo video che speriamo faccia il giro del mondo…almeno del web. Contiamo sulla vostra condivisione Come fare per partecipare? FACILE! 1)mandare una mail con l’adesione a info@trapezisti.it 2) Venire domenica 19 gennaio alle 11.30 al civico 37 di via Laura Mantegazza 3) Portare un piccolo cartello da appendere al collo con il nome dell’associazione o la parola scelta da voi. Il resto sarà magia!!! A inizio Dicembre eravamo arrivati quasi a non credere più in quel sogno che 3 anni fa ci aveva portati qui, a condividere l’amore per la letteratura con gli abitanti del quartiere, gli amici e i clienti di sempre. Ma una ventata di positività, abbracci commossi e affetto profondo, ci ha convinto a non arrenderci. Tutti si sono mobilitati, chi ci ha sostenuto economicamente, chi moralmente, chi semplicemente passando a dirci che non poteva succedere, che dovevamo lottare con le unghie e con i denti e che non saremmo mai rimasti soli a salvare questo SPAZIO LIBERO!!! L’amore per la cultura e i rapporti umani hanno vinto e hanno dato un esempio di vita del quale vi saremo per sempre grati.